San Giovanni Paolo II

magisteropassjpii

Sua Santità Giovanni Paolo II (16 ottobre 1978 – 2 aprile 2005) è stato il primo slavo e il primo Papa non italiano dai tempi di Adriano VI. Karol Wojtyla nacque il 18 maggio 1920 a Wadowice, una città industriale a sud-ovest di Cracovia, in Polonia. Suo padre era sottufficiale dell’esercito in pensione, al quale il giovane Karol si legò molto, particolarmente dopo la morte della madre avvenuta quando era ancora un bambino. Nel 1938 si trasferì a Cracovia con il padre, dove si iscrisse alla Facoltà di Lingua e Letteratura Polacca presso l’Università Jagellónica; da studente era conosciuto come attore dilettante e ammirato per le sue poesie. Quando i Tedeschi occuparono la Polonia nel settembre del 1939, l’università fu costretta a chiudere, ma fu comunque mantenuta una rete clandestina di studi. Nell’inverno del 1940 trovò impiego come operaio in una cava di calcare presso Zakrówek, alla periferia di Cracovia e, nel 1941, venne trasferito al dipartimento di purificazione delle acque presso la fabbrica Solvay a Borek Falecki. Queste esperienze furono in seguito fonte di ispirazione per alcune tra le sue poesie più memorabili. Nel 1942, dopo la morte di suo padre e dopo essersi ripreso da due incidenti quasi mortali, avvertì la chiamata al sacerdozio, intraprese clandestinamente gli studi di teologia e, dopo la liberazione della Polonia ad opera delle forze russe nel gennaio 1945, fu in grado di frequentare, di nuovo apertamente, l’Università Jagellónica. Laureatosi con lode in teologia nell’agosto del 1946, venne ordinato sacerdote dal Cardinale Adam Sapieha, Arcivescovo di Cracovia, il primo novembre dello stesso anno. Nel marzo 1946 venne pubblicata la sua prima raccolta di poesie, Canto del Dio nascosto. Inviato dal Cardinale Sapieha alla Pontificia Università di S. Tommaso (l’Angelicum) di Roma, ottenne il dottorato nel giugno del 1948 con una tesi sotto la direzione di R. Garrigou-Lagrange sul concetto di fede in san Giovanni della Croce. Dopo aver prestato servizio come parroco presso Niegowice (1948-51) e poi presso la parrocchia di S. Floriano a Cracovia, tornò alla Jagellónica per conseguire il dottorato in filosofia. Durante questi anni (1952-58) tenne un corso sull’etica sociale presso il seminario di Cracovia e, nel 1956, gli venne assegnata la cattedra di Etica presso l’Università di Lublino, dove iniziò ad essere apprezzato come uno dei principali pensatori etici di Polonia.

Il 4 luglio 1958, mentre si trovava in gita con i suoi studenti, venne nominato da Pio XII Vescovo titolare di Ombi e Ausiliare di Cracovia. Il 30 dicembre 1963 Paolo VI lo nominò Arcivescovo di Cracovia, un ruolo che lo rivelò avversario, politicamente saggio e deciso, del repressivo governo comunista, e il 26 giugno 1967 fu nominato Cardinale. Wojtyla aveva già pubblicato Amore e responsabilità (1960), un saggio sulle responsabilità dell’amore, comprendente anche la sfera della sessualità (1960) e, in occasione del Concilio Vaticano II (1962-65), divenne una figura prominente sulla scena internazionale. Membro della Commissione preparatoria, partecipò a tutte e quattro le sessioni e diede un contributo autorevole al dibattito sulla libertà di religione, sostenendo che la Chiesa dovesse concedere ad altri la libertà di pensiero, azione e parola che rivendicava per se stessa. Dopo il Concilio prese attivamente parte nell’attuazione delle decisioni che ne derivarono, a Roma come in Polonia, e partecipò a quattro dei cinque sinodi episcopali generali che il Concilio istituì; nel sinodo del 1971 fu eletto membro del suo comitato direttivo. Fu anche membro di varie congregazioni o ministeri del Vaticano. Tra il 1960 e il 1970 iniziò a essere una figura familiare sulla scena mondiale, grazie ai suoi ripetuti viaggi in Nord America (ad esempio partecipando al Congresso Eucaristico di Filadelfia nel 1976) e in Medio Oriente, Africa, Asia meridionale e orientale e Australia. In Polonia cooperò con il suo Primate, il Cardinale Stefan Wyszynski, in una battaglia, che in larga parte riuscì, volta a ottenere dal regime un qualche tollerabile status legale per la Chiesa. Nel 1976, su invito di Paolo VI (che aveva letto il suo Amore e responsabilità e se ne era servito nella stesura di Humanae Vitae), predicò gli esercizi spirituali di fronte al Papa e alla Casa pontificia (pubblicati in inglese col titolo Sign of Contradiction). Era dunque una personaggio conosciuto e ampiamente rispettato quando, durante il conclave dell’ottobre 1978, i Cardinali lo elessero Papa all’età relativamente giovane di cinquantotto anni.

Come per Giovanni Paolo I, di cui assunse il nome, non ci fu incoronazione: l’inaugurazione del suo ministero come «pastore universale della Chiesa» ebbe luogo in Piazza San Pietro il 22 ottobre 1978 e il suo discorso divenne famoso per la frase: «Non abbiate paura». Nel suo discorso ai Cardinali («Urbi et Orbi») il 18 ottobre, il nuovo Papa si impegnava a «promuovere, con azione prudente e insieme stimolante», l’attuazione del Concilio Vaticano II. Il 20 ottobre disse agli ambasciatori di ritenere che il suo ruolo fosse quello di essere «il testimone dell’amore universale», e che dal punto di vista politico la Santa Sede non chiedeva nulla per sé, se non che ai credenti fosse concessa la vera libertà di culto. La sua prima Enciclica, Redemptor Hominis (marzo 1979), introduceva il suo coerente insegnamento sulla dignità umana e sulla giustizia sociale e inoltre segnava il carattere cristologico del suo pontificato con l’affermazione che Cristo illumina l’uomo all’uomo. La sua seconda Enciclica, Dives in Misericordia (dicembre 1980), sviluppava argomenti collegati, chiamando gli uomini a mostrare pietà nei confronti l’uno dell’altro in un mondo sempre più minacciato. Il 13 maggio 1981, mentre su una jeep entrava in Piazza San Pietro per un’udienza generale, subì un attentato nel quale fu ferito gravemente da un giovane turco, Mehmet Ali Agça. Fu sottoposto a un delicato intervento chirurgico e rimase in convalescenza fino all’ottobre 1981. Successivamente fece visita in carcere al suo mancato assassino e offrì anche a lui il suo perdono cristiano. Nella sua terza Enciclica, Laborem Exercens (settembre 1981), di cui fece la revisione durante la convalescenza, commemorò l’anniversario dell’Enciclica Rerum Novarum di Leone XIII e rinnovò il suo appello per un nuovo ordine economico, che non fosse né capitalista né marxista, ma fondato sui diritti dei lavoratori e sulla dignità del lavoro. Altre Encicliche seguirono: Slavorum Apostoli (giugno 1985), per commemorare l’undicesimo centenario dell’opera di evangelizzazione dei santi Cirillo e Metodio; Dominum et Vivificantem, sullo Spirito Santo nella vita della Chiesa e del mondo (maggio 1986); Redemptoris Mater (marzo 1987) sulla Beata Vergine Maria nella vita della Chiesa in cammino, un’opera scritta in preparazione per l’anno mariano; Sollicitudo Rei Socialis (dicembre 1987), che esprimeva preoccupazione per la crisi sociale e internazionale (un’opera che ebbe un forte impatto su Mikhail Gorbacëv); Mulieris dignitatem (agosto 1988), sulla dignità della donna come persona e sulla sua vocazione all’amore quale realizzazione del suo «genio femminile»; Redemptoris Missio (dicembre 1990), circa la validità permanente del mandato missionario della Chiesa; Centesimus Annus (1° maggio 1991), che denunciava sia il marxismo, che volgeva al tramonto, sia il capitalismo basato sul consumismo; Veritatis Splendor (ottobre 1993), intorno ad alcune questioni fondamentali del magistero morale della Chiesa, in cui sosteneva che la libertà di coscienza non può essere assoluta dal momento che esistono atti e comportamenti intrinsecamente cattivi; Evangelium Vitae (marzo 1995), sul valore e l’inviolabilità della vita umana; e Ut Unum Sint (maggio 1995), sull’impegno ecumenico. Fides et Ratio (15 ottobre 1998), forse la sua Enciclica più importante, metteva in evidenza la distinzione tra consapevolezza religiosa e razionalità umana, ma allo stesso tempo richiamava l’attenzione sulla loro «circolarità» e «complementarietà» reciproche. Questo interesse per il ruolo della filosofia e del pensiero era il risultato naturale della sua formazione accademica e intellettuale, che sottolineava l’esistenza di due ordini di conoscenza distinti ma non separati – la fede e la conoscenza filosofica. In questa Enciclica il Papa dava risalto anche agli insegnamenti di san Tommaso d’Aquino, una guida nel cammino da compiere per giungere a una filosofia in armonia con la fede. Ecclesia de Eucharistia (2003), l’ultima Enciclica di Giovanni Paolo II, tratta dei rapporti tra l’Eucaristia e la Chiesa, e costituisce una sorta di testamento spirituale in cui è condensata tutta la sua spiritualità.

Queste quattordici Encicliche furono accompagnate da importanti Lettere Apostoliche su temi molto vari, tra i quali: Egregiae Virtutis (1981); Caritatis Christi (1982); Salvifici Doloris (febbraio 1984); Redemptionis Anno (aprile 1984); Les Grands Mystères (maggio 1984); Dilecti Amici (marzo 1985); Euntes in Mundum Universum (gennaio 1988); Ordinatio Sacerdotalis (maggio 1994); Tertio Millennio Adveniente (novembre 1994); Laetamur Magnopere (agosto 1997); Divini Amoris Scientia (ottobre 1997); Spes Aedificandi (ottobre 1999); il Motu Proprio Misericordia Dei (maggio 2002); Rosarium Virginis Mariae (ottobre 2002); Spiritus et sponsa (dicembre 2003); Mane nobiscum Domine (ottobre 2004); e Il rapido sviluppo (gennaio 2005). Inoltre, Giovanni Paolo II adottò un nuovo e più personale metodo di comunicazione in forma di lettere rivolte a gruppi specifici di persone in cui offriva la sua partecipazione alla loro condizione umana: alle famiglie (febbraio 1994), ai bambini (dicembre 1994), alle donne (giugno 1995); è da ricordare che, quello stesso anno, Mary Ann Glendon fu nominata da Giovanni Paolo II quale prima donna a guidare una delegazione della Santa Sede, in questo caso per tenere un discorso alla quarta Conferenza dell’ONU sulle donne che si svolse a Pechino); agli artisti (aprile 1999) e agli anziani (ottobre 1999). Meritano inoltre un riferimento cinque libri meno «ufficiali» e pubblicati da Giovanni Paolo II durante il suo pontificato: Varcare la soglia della speranza (ottobre 1994); Dono e mistero: nel cinquantesimo anniversario del mio sacerdozio (novembre 1996); Trittico romano, meditazioni in forma di poesia (marzo 2003); Alzatevi, andiamo! (maggio 2004); e Memoria e identità (febbraio 2005).

I centoquattro viaggi apostolici, attentamente pianificati – un’iniziativa agevolata dalla sua padronanza di molte lingue (comprese quelle dell’Europa centrale e orientale) – rappresentarono un altro metodo caratteristico ed estremamente riuscito della nuova evangelizzazione promossa da Giovanni Paolo II al fine di raggiungere un mondo bisognoso di una nuova proclamazione di Dio e di Cristo. Il suo primo viaggio apostolico risale al gennaio 1979 per inaugurare la conferenza episcopale latinoamericana a Puebla in Messico; il secondo viaggio, dal 2 al 10 giugno 1979, fu un ritorno in Polonia che fece epoca. Da allora ogni anno del suo pontificato fu caratterizzato da tali viaggi, che hanno messo in evidenza la missione globale del papato. Tali viaggi furono accompagnati da un gran numero di visite in diverse parti d’Italia (oltre 160). Contemporaneamente e sin dall’inizio del suo pontificato, Giovanni Paolo II dedicò sempre molta attenzione ai suoi doveri in qualità di Vescovo di Roma, visitando 317 parrocchie nel suo territorio (su un totale di 333), oltre ad altre istituzioni dentro i confini della Città Eterna.

Coerentemente con le idee e le aspirazioni che avrebbe poi espresso nell’Enciclica Ut unum sint, Giovanni Paolo II sin dall’inizio del suo pontificato fu molto attivo nel promuovere lo spirito ecumenico e nello sviluppare legami più stretti con le altre Chiese cristiane e le altre religioni del mondo. A seguito di una visita alla sinagoga principale di Roma nell’aprile del 1986, partecipò ad Assisi alla Prima Giornata Mondiale di Preghiera per la Pace nel Mondo il 27 ottobre 1986. A seguito del primo incontro di Assisi, Giovanni Paolo II ebbe molti incontri con un gran numero di rappresentanti religiosi, dopo i quali vennero pubblicate una serie di dichiarazioni congiunte. In aggiunta, il 31 ottobre 1999, la Chiesa Cattolica e la Federazione Luterana Mondiale firmarono una «Dichiarazione congiunta sulla Dottrina della Giustificazione» ad Augusta in Germania. Nel 2001 Giovanni Paolo II visitò una moschea in Siria durante il suo pellegrinaggio sulle orme di san Paolo.

Durante i suoi quasi ventisette anni di pontificato, Giovanni Paolo II ha notevolmente allargato il Collegio Cardinalizio creando, in 9 Concistori, 231 Cardinali. Più di ogni suo Predecessore, Giovanni Paolo II ha incontrato il popolo di Dio e i responsabili delle Nazioni: alle Udienze Generali del mercoledì (1.166 nel corso del Pontificato) hanno partecipato più di 17 milioni e 600.000 pellegrini, senza contare tutte le altre udienze speciali e le cerimonie religiose (più di 8 milioni di pellegrini solo nel corso del Grande Giubileo dell’anno 2000), nonché i milioni di fedeli incontrati nel corso delle visite pastorali in Italia e nel mondo. Numerose anche le personalità governative ricevute in udienza: basti ricordare le 38 visite ufficiali e le altre 738 udienze o incontri con Capi di Stato, come pure le 246 udienze e incontri con Primi Ministri. Tale attività fu accompagnata dall’istituzione di nuove relazioni diplomatiche con un gran numero di Stati. Inoltre, Giovanni Paolo II fu franco e diretto nei suoi appelli alla pace nei momenti di maggiore crisi internazionale. Così ebbe un ruolo rilevante nella firma del trattato sui confini tra l’Argentina e il Cile nel 1984, e fu tenace nell’esortare il raggiungimento della pace al tempo della guerra per le Falkland Malvinas (maggio 1982), della guerra del Golfo (agosto 1990) e della guerra in Afghanistan (settembre 2001). La Storia deve anche registrare il suo rilevante contributo nel crollo dell’impero comunista in Europa centrale e orientale: la reazione entusiastica delle folle durante la sua prima visita in Polonia nel 1979 non solo smascherò il fallimento dell’autorità comunista, ma innescò anche una reazione a catena in altre parti del regime sovietico. Di grande significato storico fu anche il fatto che Giovanni Paolo II fu il primo Papa a visitare sia il Parlamento polacco (giugno 1999) sia il Parlamento italiano (Palazzo Montecitorio, novembre 2002), occasione in cui, nel considerare la storia del popolo italiano, sottolineò il costante impegno degli Italiani nei confronti della pace, della giustizia e della solidarietà. Nell’ottobre 2002 il Santo Padre ricevette la «cittadinanza onoraria» della Città di Roma. Ringraziando il Sindaco Walter Veltroni, Giovanni Paolo II disse: «Il Vescovo di Roma si sente onorato di poter ripetere oggi, con particolare intensità di significato, le parole dell’apostolo Paolo: ‘Civis romanus sum’» (cfr. At 22,27).

Consapevole della santità della Chiesa cattolica e della necessità del suo costante rinnovamento, nonché desideroso di sottolinearne l’universalità spirituale, Giovanni Paolo II caratterizzò il suo pontificato celebrando 147 cerimonie di beatificazione nelle quali ha proclamato 1.338 beati e 51 canonizzazioni, per un totale di 482 uomini e donne santi di tutte le parti del mondo. Inoltre, Giovanni Paolo II ha costantemente cercato un contatto stretto e diretto con i giovani, dedicando loro grande attenzione e sostenendoli ripetutamente in quanto speranza della Chiesa e dell’umanità.

Non meno importante è l’istituzione da parte di Papa Giovanni Paolo II
della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali nel gennaio del 1994 con il celebre Motu Proprio. L’Accademia delle Scienze Sociali tenne la sua prima sessione plenaria il 24-26 novembre 1994. Nel suo discorso inaugurale, Giovanni Paolo II pronunciò le seguenti parole: «Facendo appello oggi alle vostre competenze, la Chiesa vuole intensificare il dialogo con i ricercatori in scienze sociali per giungere a un mutuo arricchimento e per servire il bene comune». Il Papa aggiunse che: «L’epistemologia riveste un ruolo essenziale più per le scienze sociali che per quelle naturali. Gli stessi strumenti di analisi possono essere utilizzati in maniera diversa, a seconda della visione dell’uomo che essi sono destinati a servire. D’altra parte, sebbene la Chiesa si aspetti molto dall’analisi proposta dalle scienze sociali, è anche persuasa che i propri insegnamenti sociali possano fornire appropriati principi metodologici per indirizzare la ricerca e per fornire utili elementi nella costruzione di una più giusta e fraterna società, una società che sia davvero degna dell’uomo».
Fin dalle prime sessioni, l’Accademia scelse quattro argomenti di primaria
importanza sui quali far convergere le proprie riflessioni negli anni successivi:
«lavoro e occupazione», «democrazia», «solidarietà intergenerazionale» e «globalizzazione». Nei suoi discorsi, Giovanni Paolo II espresse la propria soddisfazione per la scelta effettuata e offrì i suoi consigli su come essi dovessero essere via via affrontati dall’Accademia. Non è certo questo il giusto ambito per presentare le modalità che l’Accademia decise di adottare per le sue discussioni; si accenni solamente al fatto che, sin dall’inizio, fu stabilito che lo studio di un nuovo tema dovesse sempre iniziare con una relazione autorevole circa la dottrina della Chiesa sull’argomento in questione, e che questa relazione doveva poi fungere da punto di riferimento per gli incontri successivi.
Giovanni Paolo II nominò Presidente della Pontificia Accademia delle
Scienze Sociali il noto economista francese Prof. E. Malinvaud e, insieme ad altri fondatori, creò una totale di 34 Accademici, tra i quali vi sono personalità rappresentative delle scienze sociali nell’universalità della Chiesa: M. Archer, K.J. Arrow, B. Betancur, R. Buttiglione, P.S. Dasgupta, L.E. Derbez Bautista, P.-P. Donati, O. Fumagalli Carulli, M.A. Glendon, P. Kirchhof, H.-C. Kuan, J.J. Llach, N.J. McNally, R. Minnerath, P. Morandé Court, V. Possenti, J.T. Raga, M.M. Ramirez, K. Ryan, L. Sabourin, H. Schambeck, M. Schooyans, K. Skubiszewski, J. Stiglitz, H. Suchocka, H. Tietmeyer, W.V. Villacorta, B. Vymetalík, H. Zacher, J.B. Zubrzycki, P.M. Zulu. Nel febbraio del 2004, alla fine del secondo mandato del Prof. Malinvaud, Giovanni Paolo II nominò come Presidente la nota professoressa nordamericana Mary Ann Glendon. La Pontificia Accademia delle Scienze Sociali fu oggetto di particolare cura da parte di Giovanni Paolo II e fin dalla sua fondazione non vi fu anno del suo pontificato che non la volle incontrare. Nell’ultima udienza, il 30 aprile 2004, in occasione della celebrazione del decimo anniversario della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, Giovanni Paolo II tenne uno degli ultimi e più commoventi discorsi sulla solidarietà, uno dei suoi temi preferiti. L’Accademia avrebbe voluto offrirgli la sessione plenaria del 2005 sulla concettualizzazione della persona umana nelle scienze sociali, tema così caro al Papa. Ma la Provvidenza dispose altrimenti.

Sua Santità Benedetto XVI nel suo primo messaggio alla Chiesa e al mondo il 20 aprile 2005 ha ricordato così l'imponente azione pastorale del suo predecessore: "Egli lascia una Chiesa più coraggiosa, più libera, più giovane. Una Chiesa che, secondo il suo insegnamento ed esempio, guarda con serenità al passato e non ha paura del futuro. Col Grande Giubileo essa si è introdotta nel nuovo millennio recando nelle mani il Vangelo, applicato al mondo attuale attraverso l’autorevole rilettura del Concilio Vaticano II. Giustamente il Papa Giovanni Paolo II ha indicato il Concilio quale 'bussola' con cui orientarsi nel vasto oceano del terzo millennio".

Nomine

Margaret S. Archer

Luogo di nascita Grenoside (Regno Unito) Nomina 19 gennaio... Continua

Kenneth J. Arrow

New York, USA, 23/8/1921 - Palo Alto, USA,... Continua

Belisario Betancur

Data di nascita 4/2/1923 Luogo Amaga, Antioquia... Continua

Rocco Buttiglione

Data di nascita 6/6/1948 Luogo Gallipoli,... Continua

Partha S. Dasgupta

Data di nascita 17/11/1942 Luogo Dacca, East Bengal... Continua

Pierpaolo Donati

Data di nascita 30/9/1946 Luogo Budrio,... Continua

Ombretta Fumagalli Carulli

Data di nascita 5/3/1944 Luogo Meda... Continua

Mary Ann Glendon

Data di nascita 7/10/1938 Luogo Pittsfield, MA... Continua

Paul Kirchhof

Data di nascita 21/2/1943 Luogo Osnabrück... Continua

Juan José Llach

Data di nascita 7/2/1944 Luogo Buenos Aires... Continua

Edmond Malinvaud

Limoges (Francia) 25/4/1923 - Parigi (Francia)... Continua

Roland Minnerath

Data di nascita 27/11/1946 Luogo Sarreguemines... Continua

Pedro Morandé Court

Data di nascita 3/8/1948 Luogo Santiago (Cile) Nomina 19/1/1994 Rinuncia... Continua

Vittorio Possenti

Data di nascita 25/3/1938 Luogo Roma Nomina 17/3/2003 Disciplina Filosofia... Continua

José T. Raga

Data di nascita 3/9/1938 Luogo Catarroja, Valencia... Continua

Mina M. Ramirez

Data di nascita 5/7/1936 Luogo Manila,... Continua

Kevin Ryan

Data di nascita 7/10/1932 Luogo Mt. Vernon, New York... Continua

Louis Sabourin

Data di nascita 1/12/1935 Luogo Québec... Continua

Herbert Schambeck

Data di nascita 12/7/1934 Luogo Baden, Vienna... Continua

Michel Schooyans

Data di nascita 6/7/1930 Luogo Braine-l'Alleud... Continua

Joseph E. Stiglitz

Data di nascita 9/2/1943 Luogo Gary, Indiana... Continua

Hanna Suchocka

Data di nascita 3/4/1946 Luogo Pleszew... Continua

Hans Tietmeyer

Metelen/Westphalia (Germania), 18/8/1931 - Francoforte sul Meno (Germania)... Continua

Wilfrido V. Villacorta

Data di nascita 22/5/1945 Luogo Manila... Continua

Hans F. Zacher

Erlach am Inn, Baviera (Germania), 22/6/1928 - Monaco di Baviera (Germania),... Continua

Paulus M. Zulu

Data di nascita 28/7/1941 Luogo Ixopo, Natal... Continua

©2012-2017 Pontificia Accademia delle Scienze Sociali

 

Share Mail Twitter Facebook