2019-2023

Changing Media in a Changing World

changingmedia2019

Workshop 10-11 maggio 2021

Sessione 1. Dai media tradizionali alle piattaforme digitali

A differenza dei media tradizionali, le piattaforme digitali sono sistemi complessi che generano nuovi flussi di entrate significativi. Nel 2018, sette delle dieci aziende di maggior valore a livello mondiale si basavano su un modello di business della piattaforma: la creazione di comunità e mercati digitali che consentissero a diversi gruppi di interagire e fare transazioni. Questi nuovi ecosistemi richiedono modi completamente nuovi di trattare con clienti, partner e concorrenti tradizionali. Si basano inoltre sull'acquisizione dei dati degli utenti e sulla capacità di integrare i servizi di comunicazione con altri tipi di servizi, ad esempio piattaforme audiovisive come Netflix, Google Play e l'App Store di Apple, dove i consumatori pagano direttamente per il servizio che ricevono. La pervasività di queste piattaforme e le nuove sfide economiche che pongono richiedono un nuovo sforzo in termini di riflessione e comprensione.

Sessione 2. Il cambiamento dei modelli di comunicazione 

Nonostante la promessa di disintermediazione, i media digitali introducono forme di intermediazione nuove e senza precedenti, in cui gli utenti creano, condividono o scambiano contenuti in modi nuovi, utilizzando nuovissime forme di espressione. Tuttavia, alcuni di questi richiedono una nuova consapevolezza e comprensione: può la lettura veloce, che nell'era digitale è diventata la nuova normalità, permetterci di cogliere la complessità? La colonizzazione del nostro tempo da parte dei media digitali lascia spazio alla contemplazione e all'intimità? La diffusione delle informazioni consente ancora il controllo dei fatti e lo studio approfondito che può evolversi in conoscenza e poi diventare saggezza?

Sessione 3. Il futuro dell'arte, dell'istruzione, del diritto e della democrazia nell'era digitale

I confini delle discipline umanistiche, delle scienze sociali e dell'arte sono quelli più offuscati dai media digitali. I cambiamenti radicali apportati dalle piattaforme digitali e dagli algoritmi richiedono una riflessione sui fondamenti e sulle convinzioni di queste due discipline. Questa sessione mira a discutere valori e pratiche, aprendo prospettive per il futuro.

In breve, i media digitali rappresentano una sfida all'interazione umana e alla società, in quanto possono influenzare le decisioni umane per il bene e per il male, per la giustizia e per l'ingiustizia, per la verità e per le bugie. I media digitali offrono opportunità di diffondere informazioni e stimolare l'azione intorno a buone cause. Potrebbero, per esempio, consentire ai cittadini di monitorare le azioni del governo per il bene comune, ma potrebbero anche essere utilizzati per diffondere contenuti e propaganda dannosi.

La comunicazione è ormai così veloce che sembra più facile, ma in realtà è mediata dalle multinazionali che possiedono queste piattaforme e gli algoritmi generatori di profitto. Questi nuovi ambienti richiedono quindi norme etiche che favoriscano valori oggettivi, il bene comune, lo sviluppo integrale delle persone, l'inclusione sociale, la salvaguardia del nostro pianeta e la pace.

Articoli collegati

Changing Media in a Changing World

Atti del Workshop Changing Media in a Changing World 10-12 maggio 2021 Studia Selecta 7 Città del... Continua

Playlist di YouTube

©2012-2017 Pontificia Accademia delle Scienze Sociali

 

Share Mail Twitter Facebook