Gérard-François Dumont

Gérard-François Dumont

Data di nascita 20/5/1948
Luogo La Souterraine, Francia
Nomina 4/2011
Disciplina Demografia, geografia, geopolitica, economia
Titolo Professore

Principali premi, riconoscimenti e accademie
Professore di demografia presso l'Università di Paris IV-Sorbonne (dal 1988); Presidente dell'associazione riconosciuta di pubblica utilità Population & Avenir e Direttore della rivista Population & Avenir; Esperto presso il Comitato economico e sociale europeo (CESE); Membro del Comitato di Controllo nazionale del censimento della popolazione; Membro del Comitato direttivo della Cité nationale d'histoire de l'immigration; Membro della Cancelleria dell'Ordine nazionale al Merito; Membro corrispondente delll'Accademia delle Scienze Sociali di Mendoza (Repubblica Argentina); responsabilità editoriali in diverse riviste scientifiche; relatore ospite in Francia, in Europa e nel mondo; Amministratore della Società di Geografia (associazione riconosciuta di pubblica utilità), Membro del Consiglio del Comitato nazionale francese di Geografia e Presidente della Commissione di Geografia della popolazione; Vice-presidente dell'Accademia di Geopolitica di Parigi; Presidente dell'Osservatorio internazionale sulla prospettiva regionale – Territori del futuro; Presidente del Consiglio Scientifico della Società di Strategia; Cavaliere della Legione d'Onore; Commendatore dell'Ordine al Merito; Medaglia al Merito europeo; Grande Medaglia di Vermiglio della Città di Parigi; Premio della Società di Geografia.

Riassunto dell’attività scientifica
L'attività scientifica di Gérard-François Dumont si focalizza sulla demografia, ma in un concetto aperto di questa disciplina. Secondo lui, quest'ultima non dovrebbe essere limitata al trattamento di dati quantitativi, ma aperta ad altre conoscenze politiche, economiche, sociali e culturali... per riuscire a capire molti fattori che spiegano la geografia degli insediamenti, le dinamiche demografiche contemporanee e quelle del passate. L'approccio qualitativo e quantitativo è indispensabile anche per analizzare le conseguenze dei processi demografici, le proiezioni demografiche e per condurre studi prospettici. L'attività scientifica di Gérard-François Dumont è stata principalmente incentrata su tre temi principali: la demografia generale, la demografia politica e la pianificazione territoriale. In ognuno di questi temi, il suo contributo scientifico è triplice: cognitivo, concettuale e metodologico.
Demografia generale: il contributo cognitivo di Gérard-François Dumont in questo settore riguarda la natura, l'intensità, i tempi e determinanti (vicino, lontano o "lontano lontano"), in base ai territori del mondo, dei quattro principali processi demografici (transizione o post-transizione, urbanizzazione, migrazione, invecchiamento). Parallelamente, dal momento che la realtà demografica contemporanea è il risultato di importanti basi storiche, Gérard-François Dumont ha fornito una sintesi della storia demografica delle grandi regioni mondiali. Inoltre, dal momento che ogni riflessione sulle tendenze demografiche può essere chiarita dalla storia del pensiero demografico, egli ha dedicato parte delle sue ricerche ad analizzare i passaggi relativi alle problematiche demografiche nei testi di grandi autori come Platone, Aristotele, Machiavelli, Cantillon o Thomas More...
I suoi contributi o sviluppi metodologici in demografia generale vertono per esempio sull'identificazione di una tipologia e gerarchia storica dei fattori dell'emigrazione internazionale, portando ad una griglia di analisi dei fenomeni migratori applicabile ad ogni territorio del globo.
Concettualmente, il suo apporto intende identificare i componenti differenziati del processo di invecchiamento, che portano a trasmettere il nuovo concetto di "gerontocrescita" o "gerontodecrescita" (parole formate dal greco gérôn o gérontos, ormai entrate nel Dictionnaire de Géographie, Parigi, Ellipses, 2005), che descrive l'evoluzione dei flussi di anziani, distinta dall'evoluzione delle strutture a seconda dell'età, due fenomeni non necessariamente congiunti secondo i territori e i periodi storici e le cause e conseguenze differenziate. Un altro esempio è l'approfondimento di concetti già esistenti, come attrazione e repulsione nelle migrazioni internazionali, sfociato nel nuovo concetto di "migrazioni imprenditoriali" ("migrazioni connesse alle decisioni aziendali di far emigrare i propri dipendenti per far fronte ai cambiamenti dei mercati o dei beni per beneficiare di territori che danno loro maggiore soddisfazione professionale"), entrato anche nel Dictionnaire de Géografie (Parigi, Ellipses, 2005). Inoltre, l'approfondimento della geografia della popolazione e dei cambiamenti che ne derivano come risultato delle migrazioni ha portato led Gérard-François Dumont ad approfondire, in diverse pubblicazioni, il concetto di identità.
Politica demografia: sul piano cognitivo, Gérard-François Dumont ha voluto studiare "le interazioni tra le questioni demografiche e tutto ciò che riguarda la città o lo stato", sviluppando così un nuovo ramo della disciplina, la "demografia politica", di cui ha mostrato molteplici applicazioni in diversi paesi o regioni del mondo in diversi periodi storici.
Le sue ricerche hanno portato a contributi teorici, metodologici e concettuali, tra cui il libro intitolato Démographie politique. Le leggi della geopolitica delle popolazioni. Questo libro, dopo aver indicato il metodo utilizzato, presenta, come suggerisce il sottotitolo, una teoria della geopolitica delle popolazioni. Questa teoria può portare a proporre alcuni scenari prospettici.
Concettualmente, per esempio, questo libro e diverse pubblicazioni successive mostrano come l'epoca contemporanea sia caratterizzata da un processo di "diasporizzazione", con l'aumento dell'importanza delle diaspore nelle relazioni internazionali.
Pianificazione del territorio: di fronte alla necessità di comprendere le differenze nella geografia della popolazione e della sua evoluzione, Gérard-François Dumont si è trovato naturalmente portato ad approfondire la comprensione della pianificazione dello spazio e del territorio.
I suoi contributi sono in primo luogo cognitivi e arricchiscono la letteratura scientifica in diversi punti. Il primo riguarda le ricerche portanti a valutazioni territoriali non solo nelle grandi metropoli, ma anche in zone meno popolate e, talvolta, poco studiate (metropoli regionali intermedie, cittadine, città non prefettizie a economia industriale...). Queste ricerche, quasi sistematicamente comparative, ricorrono all'esame e all'elaborazione dei dati quantitativi, all'analisi spaziale e a quella delle politiche territoriali. Come primo apporto conoscitivo, i loro risultati ci permettono di evidenziare diverse caratteristiche di governance territoriale. Come secondo contributo, si aprono, da una parte, su di una analisi critica di alcune teorie spaziali e, dall'altra, su conclusioni utili per la gestione del territorio e dell'ambiente. Un terzo contributo conoscitivo affronta il tema dell'ambiente, con l'analisi dello sviluppo regionale sostenibile. Il quarto è un'analisi critica, basata su esempi territoriali concreti, concetti abituali per l'INSEE di "area urbana", "periferia urbana", "unità urbana" o "centri rurali". Quest'ultimo contributo ha portato a proposte di ridefinizione delle caratteristiche urbani o rurali dei territori.
Le pubblicazioni di Gérard-François Dumont riguardanti la gestione del territorio permettono di approfondire concetti quali l'attrattività e la governance territoriale. Inoltre, essi suggeriscono concetti nuovi, ad es. quello di "para-urbanizzazione" ("processo che porta al popolamento di spazi di morfologia rurale situati alla periferia delle aree urbane da parte di persone che esercitano la loro professione in città"), un concetto introdotto nel Dictionnaire de Géographie (Ellipses, 2005), che consente la caratterizzazione dei territori che non rientrano nella "suburbanizzazione" ("processo che porta al popolamento dei territori situati alla periferia delle città che di conseguenza si ritrovano costruiti in continuità di quelle città). Un altro esempio è l'elaborazione di un "indice composito di esclusione", che permette di stabilire una geografia della povertà.
Sui tre temi principali di cui sopra, completando le sue ricerche teoriche con una conoscenza del terreno in una trentina di paesi di varie regioni del mondo, Gérard-François Dumont ha prodotto delle analisi su tutte le scale geografiche. Le sue pubblicazioni possono pertanto riguardare una città e i suoi quartieri, un agglomerato urbano, una provincia o una regione, oppure porsi a livello nazionale, sub-continentale, continentale e globale. Spesso offrono confronti nel tempo e nello spazio.


Pubblicazioni principali
Citiamo una lista parziale di 34 libri: Géographie urbaine de l’exclusion, Paris, L’Harmattan, 2011; La France en villes, Paris, Sedes, 2010; Géopolitique de l’Europe, Paris, Éditions Sedes, 2009; Populations et territoires de France en 2030, le scénario d’un futur choisi, Paris, L’Harmattan, 2008; Démographie politique. Les lois de la géopolitique des populations, Paris, Ellipses, 2007; Les territoires face au vieillissement en France et en Europe, Paris, Ellipses, 2006; Les populations du monde, Paris, Editions Armand Colin, deuxième édition, 2004; Géographie de la France, Paris, Ellipses, 2002; Francia y los franceses, Madrid, Acento Editorial, 2000; La population de la France, des régions et des Dom-Tom, Paris, Ellipses, 2000; Les racines de l’identité européenne (Préface de José María Gil-Robles, Président du Parlement européen), Paris, Editions Economica, 1999; L’Arc alpin, Histoire et géopolitique d’un espace européen, Paris, Editions Economica, 1999; Les spécificités démographiques des régions et l’aménagement du territoire (Rapport du Conseil Economique et Social), Paris, Editions des journaux officiels, 1996; Les migrations internationales. Les nouvelles logiques migratoires, Paris, Sedes, 1995; Le monde et les hommes. Les grandes évolutions démographiques, Paris, Litec, 1994; L'aménagement du territoire, Paris, Editions d'Organisation, 1994; Démographie. Analyse des populations et démographie économique, Paris, Dunod, 1992; La montée des déséquilibres démographiques (avec la collaboration d’Alfred Sauvy et al.), Paris, Economica, 1984; La France ridée (avec la collaboration de Pierre Chaunu et d’Alfred Sauvy), Paris, Hachette, collection Pluriel, nouvelle édition, 1986; Apprendre l'économie, préface d’Alfred Sauvy, Paris, Economica, 1982. A questi libri si aggiungono 150 capitoli in opere collettive, oltre 300 articoli pubblicati in riviste e varie decine di pubblicazioni digitali. Questi scritti, che vertono su temi dell'attività scientifica di Gérard François Dumont, riguardano secondo i casi questa o quella regione del mondo: Francia, Unione Europea, Russia, Europa, Mediterraneo, Maghreb, Vicino Oriente, Medioriente, Africa, Asia centrale, Asia orientale, America del Nord, America Latina.

Indirizzo professionale

Université de Paris-Sorbonne
191 rue Saint-Jacques
Parigi
Francia

Relazioni

La paix à l'âge des nouvelles logiques migratoires. Peace in an Age of Great Migrations (PDF) 2012

Les évolutions démographiques de la jeunesse dans le monde (PDF) 2006

©2012-2014 Pontificia Accademia delle Scienze Sociali

Share Mail Twitter Facebook